::: TRE RIFUGI VALPELLICE TRAIL :::
Edizione Italiana Edition franšaise
Sopraluogo del 22-05

    L'anticiclone nordafricano, con la sua cappa di calore sta ridimensionando la coltre di neve presente sul percorso, il sentiero che porta al colle Boucie (prima salita), salvo l'attraversamento di un paio di slavine, è libero dalla neve fino alla quota di 2150 m. Diverso il discorso per quanto riguarda le condizioni dei vari canaloni che confluiscono nel torrente Crosenna, il quale da il nome al vallone ed all'alpeggio, la massa d'acqua imponente derivante dalla fusione della neve in quota, compare solamente dove la morfologia del terreno la obbliga a cadere formando spettacolari cascate, diversamente è costretta ad un percorso che si snoda sotto uno spessore di neve che varia da alcuni metri a 10/15.

    Rimane evidente lo scempio compiuto dalle varie slavine che, nei vari loro percorsi, hanno distrutto tutto ciò che si parava loro davanti, centinaia, se non migliaia i larici spezzati come fuscelli e trascinati con essa.

    Le immagini che trovate in questa rubrica si riferiscono al sopraluogo effettuato venerdì 22 maggio, non sonodi buona qualità poichè scattate con fotocamera di telefonino. Appuntamento fra queste pagine per il resoconto del prossimo sopraluogo.

   



Alpe Crosennetta quota 2300 m.
Alpe Crosennetta quota 2300 m.
Bagno per...orsi polari
Bagno per...orsi polari
Il sentiero parte sulla ds prima della slavina
Il sentiero parte sulla ds prima della slavina
La slavina nasconde la pista
La slavina nasconde la pista
Lo spessore della colata di neve
Lo spessore della colata di neve
Prime rampe del sentiero per il Boucie
Prime rampe del sentiero per il Boucie


Archivio news ╗╗╗


Ultimo aggiornamento pagina: 16/06/2009 00:04:00


 

© Copyright 2022 CAI sezione UGET ValPellice - P.IVA 04842950018 - Email: info@3rifugivalpellice.it

Powered by Power by Fassi Computer Area riservata